Patente B dal 2013 per i 45qli
E’ stato approvato dal Parlamento italiano un decreto legge che entrerà in vigore il 19/01/2013 che disciplina, a certe condizioni, la possibilità di guidare con la patente B veicoli ricreazionali di peso non superiore a 45 qli (contro gli attuali 35).
Questa è la notizia diramata da Confedercampeggio, la quale ci tiene ad evidenziare che la formulazione della norma presso la Comunità Europea in questa specifica materia della patente di guida è stato frutto di incontri internazionali iniziatisi a Bruxelles sin dal lontano 1998. 
Grazie alle sinergie positive dell’APC- ANFIA e della Confedercampeggio, con atto n 323 il Governo ha sottoposto al parere del Parlamento il decreto legislativo recante l’attuazione della direttiva 2006/126/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio Europeo concernente la patente di guida, nonché la direttiva 2009/113/CE della commissione recante modifica della direttiva 2006/126/CE.
Il decreto è stato approvato dal Consiglio dei Ministri l’11/01/11 ed il 17/01/ successivo fu approvato dal Parlamento Italiano. La scelta del decreto e non del regolamento ha reso possibile aggiornare il Codice della Strada vigente sì da offrire una disciplina vigente conforme al diritto comunitario e soprattutto aggiornata alle numerose novità introdotte dallo stesso e non presenti nel codice della strada. 
Limitando l’argomento all’interesse specifico dei camperisti, la novità è che sarà possibile guidare con la patente B camper e caravan la cui massa non superi i 3500Kg con possibilità di agganciare una massa non superiore a 750Kg. Inoltre, a massa massima, l’insieme non potrà superare i 4500Kg. Resta da chiarire se la norma sia applicabile anche ai conducenti di veicoli omologati per una portata massima di 35qli.
C’è il dubbio (fondato!) che questi veicoli non possano essere riomologati e che quindi per fruire del beneficio si debba procedere all’acquisto di un nuovo mezzo!
La guida di un veicolo con massa superiore a 3500Kg comporta, inoltre, il superamento di una prova di capacità e comportamento su un veicolo specifico. In caso di esito positivo, è rilasciata una patente di guida che, con un apposito codice comunitario, indica che il titolare può condurre tali categorie di veicoli (art 116 vigente codice) così riscritto integralmente dall’art 3 del decreto legislativo ratificato.