Multe di notte

 Da agosto 2009, chi commette gravi infrazioni di notte, paga sanzioni rincarate di un terzo, Ora un decreto impone di pagare due multe: una dell'importo previsto per le violazioni di giorno; più un "supplemento notturno".

 Alcune gravi infrazioni, se commesse dalle ore 22 alle ore 7, costano un terzo in più rispetto alle stesse rilevate di giorno: lo prevede una norma del Codice della Strada introdotta nell'agosto 2009.

 Finora la multa notturna si pagava tutta in una volta, con la maggiorazione inclusa: il verbale riporta I'importo giornaliero ed il "supplemento notturno" del 33%. Ma adesso il Decreto Legge del 30 marzo 2011

del Ministero dell'Interno, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 16 maggio, complica le cose'

Infatti. la sanzione notturna andrà pagata indicando sul bollettino postale sia I'ammenda prevista

per I'infrazione di giorno, sia il sovrapprezzo notturno: basterà copiare quanto riporta la contravvenzione.

Il bollettino da usare sarà sempre quello allegato al verbale.

 Attenzione, che chi farà ricorso contro la multa, e non sarà accettato dal Giudice, pagherà la doppia sanzione separata utilizzando il rnodello F23 (scaricabile dal sito www.agenziaentrate.gov.it).

 Quasi sempre, il supplemento notturno si applica (fra le tante infrazioni)per gli eccessi di velocità, il passaggio con il semaforo rosso, la guida in stato di ebbrezza o sotto I'effetto di droghe.

L'obbiettivo della norma e quello di far confluire il denaro in un "Fondo contro I'incidentalità notturna",

istituito alla Presidenza del Consiglio, creato per migliorare la sicurezza stradale.