Per andare in Francia.
Documenti necessari per andare in Francia
Carta d'identità, tessera sanitaria, patente, assicurazione
Per entrare nel territorio francese serve solo la carta d'identità valida per l'espatrio in corso di validità o il passaporto.
Viaggiare con i minori di 18 anni in Francia
Dal 25 novembre 2009 sono cambiate le norme che regolano i viaggi all'estero di minori soli o accompagnati. I minorenni non possono più essere iscritti sui passaporti dei genitori ma devono viaggiare con un proprio documento di riconoscimento.

La moneta ufficiale in uso in Provenza e in Francia è l'Euro quindi potete usare le banconote e le monete che utilizzate in Italia.

Per entrare in Francia i cani devono aver compiuto tre mesi ed essere stati sottoposti a iniezione antirabbica. Dovete portare con voi il certificato. Per qualsiasi informazione contattate in Italia 1'ufficio veterinario del vostro comune.

Per chiamare dall 'ltalia qualsiasi città della Francia sia con un telefono fisso sia con un cellulare, componete il prefisso per la Francia 0033 seguito dal prefisso per l'area francese poi il numero dell’abbonato.
Per chiamare Monte-Carlo dall' ltalia, dovete anteporre al numerlo dell’utente il prefisso 00377.
Per chiamare in ltalia da qualsiasi città della Francia, sia con un telefono fisso sia con un cellulare(italiano o francese), componete 0039*prefisso della località italiana completo di 0 (o del
Per chiamare da Monte-Carlo all'ltalia vanno seguite le stesse regole.
Con le Telecarte in vendita nei tabaccai, dai giornalai e nei centri commerciali, potete chiamare in Italia risparmiando rispetto alle chiamate dall'hotel o dal vostro cellulare.

Per gli italiani in visita in Francia per turismo o lavoro l'assistenza medica nelle strutture pubbliche è gratuita. È importante, però, portarsi dietro la tessera sanitaria rilasciata dalla propria ASL di competenza.
In Francia c'è il sistema dell'Assistenza indiretta, quindi potrebbero chiedervi di pagare le cure per poi richiedere il rimborso all'ufficio CPAM o alla vostra ASL di competenza al rientro in Italia. Se preferite rivolgervi a cliniche e altre strutture private, dovrete essere voi a pagare direttamente.
Gli accordi tra Italia e Francia non coprono eventuali costi di trasportoper rientrare in Italia, quindi in questo caso è necessario pagare di persona o stipulare prima di partire un'assicurazione privata.

Anche se sappiamo che non vi serviranno, ci sono alcuni numeri di emergenza che è sempre meglio avere a portata di mano durante una vacanza, soprattutto se è all'estero. Ecco quindi alcuni numeri di emergenza ed altri numeri utili dei servizi di soccorso fondamentali. I numeri telefonici a tre cifre sono gratuiti e possono essere chiamati anche dal telefonino e anche se non avete inserito la vostra carta SIM italiana.
La polizia risponde al numero 17. Ricordate che per gli italiani all'estero è sempre attivo il Numerico Unico Europeo 112 a cui risponde un operatore in lingua italiana.
I vigili del fuoco rispondono al numero 18.
Il pronto soccorso (SAMU) risponde al 15 ma l'operatore potrebbe non comprendere l'italiano. Per essere certi di parlare con un operatore italiano, chiamate il 112, Numero Unico Europeo.
Le farmacie sono di norma aperte fino alle 20 con una pausa durante l'ora di pranzo. Di notte è sempre aperta la "Pharmacie de garde", la farmacia di guardia di cui trovate indirizzo e numero di telefono nelle bacheche di quelle chiuse.
Pronto soccorso droga e alcool Risponde al numero 113 o all'0800 231 313

Occhio a borse e portafogli nei luoghi affollati. Mettete in una tasca interna soldi, documenti e carte di credito o lasciate tutto nella cassaforte dell'hotel. Non dimenticate di farvi consegnare la ricevuta del deposito.
Non lasciate mai le vostre borse aperte, non portate troppi soldi e mettete i documenti in una tasca interna o in una piccola borsa sotto i vestiti, non mettete il portafogli nella tasca posteriore dei pantaloni. Meglio ancora, per girare senza pensieri non portate con voi cose di valore, portate solo i contanti necessari per le spese di una giornata.
In generale, i luoghi affollati e le zone di maggiore interesse turistico sono punti strategici per i borseggiatori che possono approfittare della ressa per mettervi le mani in tasca e frugare nelle vostre borse per poi dileguarsi rapidamente nella folla.
Cose da non fare 
Evitate di mostrare tutto il contante che avete e dividete in diversi tagli da tenere separati.
Quando siete a ristorante o seduti ad un tavolino di un caffè, non appendete la vostra borsa alla sedia; non lasciate incustodita la borsa nei camerini dove provate gli abiti.
Non poggiate telefonino e portafogli sui tavolini o sui banconi nei locali pubblici; non metteteli in una tasca esterna della vostra borsa o dei pantaloni.
Assicuratevi di aver chiuso bene porte e finestrini della vostra auto, non lasciate in vista telefonino, macchinetta fotografica, portafogli e borse anche se vuoti: qualcuno potrebbe essere tentato di forzare la serratura o rompere un vetro dell'auto.
Portate in viaggio con voi una fotocopia del vostro documento d‘identità che lascerete nella vostra residenza temporanea a . In caso di smarrimento: se l'avete perso contattate il consolato, mentre se vi è stato rubato fate anche la denuncia alla polizia.

In Francia è vietato fumare nei luoghi pubblici. Le aree per fumatori non sono obbligatorie quindi non è detto che le troverete in bar, discoteche e caffè. La scritta che indica il divieto di fumare èDefense de Fumer.

Per lo spaccio e il consumo di droghe leggere le condanne prevedono la detenzione e salate sanzioni: carcere e multe fino a 3750 euro. La polizia francese è particolarmente vigile e minuziosa specialmente in metropolitana e alle frontiere ferroviarie, aeree e stradali.

La prostituzione in Francia non è considerata una pratica illegale, ma è proibito l'adescamento e la prostituzione di strada. I reati contro i minori commessi all'estero vengono perseguiti sia direttamente in Francia, sia al rientro in Italia in base delle leggi del nostro Paese.

Se avete intenzione di girare in auto in Francia tenete conto che le regole per gli automobilisti sono molto severe. Ricordate sempre le cinture di sicurezza, anche per i passeggeri nei sedili posteriori. Nei centri abitati non si deve superate il limite di velocità di 50 Km/h, mentre per le strade 90 si può procedere fino a 90 Km/h, sulle superstrade fino a 110 Km/h, sulle autostrade fino a 130 Km/h. Quando piove questi limiti scendono a 80 Km/h sulle strade, 100 Km/h sulle superstrade, 110 Km/h sulle autostrade.
Il tasso di alcool nel sangue non può superare i 0,5 g per litro. In Francia è vietato circolare ubriachi anche se si è a piedi! È proibito vendere o offrire ai minori di 16 anni alcool in luoghi pubblici.

Per chi trasgredisce una di queste norme ed è in stato di fermo o addirittura in arresto, è necessario informare subito l'Ambasciata o il Consolato italiano a per essere assistito.

In Francia la corrente è a 230 Volt come in Italia, quindi nessun problema per ricaricare i telefoni, computer e per alimentare piccoli elettrodomestici da viaggio. La presa è a 2 fori rotondi, quindi se il vostro apparecchio ne ha 3 dovrete procurarvi un adattatore. Si trovano facilmente nei negozi di elettronica in Italia o nei centri commerciali e supermercati